.
Annunci online

 
annarusselli 
...tenho em mim todos os sonhos do mundo...
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Annuzza International ;)
I video di Annuzza
CGIL
Nidil CGIL
Medici Senza Frontiere
National Geographic
Google Earth
Santa Cruz, California
RssPress.it
The Cloud Appreciation Society
Jazz - William Claxton
Trane
Saint John Coltrane
Lady Day
Bird lives!
Filosofia.it
Jazz Pics from the Golden Age
Emsf
Filosofico
Il sito di Giuliooo!!!
Alestramba
Antonio Cimadomo
Artarie
Astronik
il Caf
Calibano
Catepol 3.0
Distratta di professione
G.G.
Giò
Il_TraTto
MaPi
Piedistalli Blog
Radiopalomar
RedHome77
Rafial, io gli altri e il cinema
Sergio Ragone
skizzoLAB
Sir Drake
TraCieloEMandarini
Viler Ola
VitoCola
  cerca

www.flickr.com
Elementi di anna.russelli Vai all'album di anna.russelli


BubbleShare: Share photos - Nosara Surfing

BubbleShare: Share photos - Powered by BubbleShare
BubbleShare: Share photos - Play some Online Games.





oh non ti dare arie
di superiorità.


solo uno sguardo io vidi degno di questa.
era un bambino annoiato in una festa.
(sandro penna)


bacio che sopporti il peso della mia anima breve in te il mondo del mio discorso diventa suono e paura. (alda merini)

"Per quanto tu possa camminare, e neppure percorrendo intera la via, tu potresti mai trovare i confini dell'anima:
cosi profondo è il suo lògos." (Eraclito-V sec. a.C.)


Image, Source: published print (The Golden Age of Jazz, Pomegranate Artbooks)



O demone in un attimo mi porti lontano verso di lui che crudelmente mi bacia in cerca di una avventura. (Alda Merini)

Ed ecco ce ne andiamo come siamo venuti
arrivederci fratello mare
mi porto un po' della tua ghiaia
un po' del tuo sale azzurro
un po' della tua infinità
e un pochino della tua luce e della tua infelicità.
Ci hai saputo dir molte cose sul tuo destino di mare
eccoci con un po' più di speranza
eccoci con un po' più di saggezza
e ce ne andiamo come siamo venuti
arrivederci fratello mare. (N. Hikmet)


Locations of visitors to this page

Vivo sonhando, sonhando mil horas sem fim
Tempo em que vou perguntando, se gostas de mim
Tempo de falar em estrelas,
Falar de um mar, de um céu assim
Falar do bem que se tem mas você não vem, não vem
Você não vindo, não vindo a vida tem fim
Gente que passa sorrindo zombando de mim
E eu a falar em estrelas,mar, amor, luar
Pobre de mim que só sei te amar... (Joao Gilberto)


There is a solitude of space
A solitude of sea
A solitude of death, but these Society shall be Compared with that profounder site
That polar privacy
A soul admitted to itself
Finite infinity. (Emily Dickinson)


Questo blog non è un essemmesse!

Cançao do mar

Fui bailar no meu batel
Além do mar cruel
E o mar bramindo
Diz que eu fui roubar
A luz sem par
Do teu olhar tão lindo

Vem saber se o mar terá razão
Vem cá ver bailar meu coração

Se eu bailar no meu batel
Não vou ao mar cruel
E nem lhe digo aonde eu fui cantar
Sorrir, bailar, viver, sonhar...contigo


javascript hit counter


 

Diario | Pics | Il Rospo | Big Sea |
 
Diario
1visite.

12 giugno 2007

Ritratto del Trombone...

 

Il trombonismo è una malattia contagiosa, molto diffusa nella classe politica e sindacale.

La nostra bella terra è una delle aree maggiormente colpita da questo flagello.

Il trombonismo non ha età, né appartenenza politica.

E’ diffuso ovunque, tra i giovani e i meno giovani, a destra, a sinistra o al centro.

La persona affetta da trombonismo presenta sintomi assolutamente inequivocabili. La sua presenza in un pubblico dibattito normalmente semina il panico tra i presenti, che già prefigurano ore di angoscia e disperazione claustrofobica.

Il trombone è assolutamente non in grado di percepire la necessità del possesso di competenza nell’affrontare qualsiasi argomento: dall’economia, alla politica, dalla sanità ai trasporti, dalle politiche per la famiglia alle nuove tecnologie, il trombone affronta spavaldo qualsiasi discussione, qualunque sia il livello dei partecipanti, e sempre si proclama “speranzoso di apportare il suo umile contributo al dibattito”.

In qualsiasi occasione, da un convegno ad un’assemblea, da una riunione di organismi interni al comizio in una pubblica piazza, dall’inaugurazione di un negozio alla cerimonia di apertura di un nuovo parcheggio, il trombone è presente, in qualità di “Amministratore” o “Dirigente” o “Segretario”.

La capacità di comunicare per lui è rappresentata dall’utilizzo di termini ed espressioni quali: “sfruttare le sinergie”, “definire le priorità”, “coniugare le esigenze”. O ancora: “aprire una nuova fase”, “perseguire un rinnovamento profondo” oppure “implementare il modello organizzativo” o ancora “riattivare rapidamente le energie”…

Il trombone ha un assortito repertorio retorico, con frasi adatte ad ogni situazione: da “dare spazio alle giovani generazioni”, a “creare le condizioni per la realizzazione della effettiva presenza delle donne nei livelli dirigenziali”, oppure “valorizzare il patrimonio rappresentato dagli anziani”.

Normalmente, in ogni dibattito che si rispetti, è presente almeno un trombone. A prescindere da quale ruolo egli abbia nel contesto, incurante del tempo a disposizione per ciascun intervento, e a prescindere dal fatto che la platea sia numerosa o esigua, il trombone audacemente si lancia nella sua oratoria, mai meno lunga di un intervento oceanico stile Fidel.

Tra i presenti, cominciano a verificarsi episodi di malessere fisico e psicologico (nausea, stordimento, colpi di sonno, attacchi di panico)… ma noncurante, il trombone prosegue fino in fondo deciso a portare a termine la sua missione.

Quando il moderatore, a circa 45 minuti dall’inizio di quello che doveva essere un “breve saluto accompagnato da qualche considerazione”, comincia a ticchettare la penna sul microfono per sollecitare la chiusura, il trombone sorride e afferma di essere “quasi alla conclusione”; e prosegue imperterrito per almeno altri 45 minuti.

Non ce ne voglia, chi si riconosce in questo ritratto… anche se, bisogna dirlo… il trombone è dotato di uno scarsissima propensione all’autocritica (che invece puntualmente suggerisce agli altri). Il male peggiore è naturalmente quello delle vittime contagiate che si dividono in due “macroguppi” (per usare un termine a lui caro): coloro che restano colpiti e assuefatti e ne divengono subito pupilli ed emulatori, e coloro che invece traumatizzati dal discorso-tromba che – poveri ingenui malcapitati - hanno dovuto subire, si allontanano definitivamente da ogni ambito di pubblica discussione.

La proposta è quella di fare come in USA ha fatto un gruppo di spiritose donzelle che ha ben pensato di istituire un sito dedito ai “men-not-to-date”, cioè una lista di uomini con cui non uscire per evitare delusioni o altro, dove qualsiasi donna può inserire il nome di un uomo con cui ha avuto “brutte esperienze” – un vero e proprio tam tam autogestito…

Si potrebbe pensare di istituire una lista di pubblici personaggi da non invitare mai ai dibattiti… che fosse questa la via per il vero rinnovamento della politica?




permalink | inviato da annarusselli il 12/6/2007 alle 17:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio        luglio